Ginnastica antalgica

con Nessun commento

La ginnastica antalgica è una ginnastica correttiva il cui scopo è quello di aiutarci prevenire e curare quei dolori muscolari ed articolari che si manifestano col passare degli anni o che sono comunque imputabili a errori di vario tipo nella postura; la ginnastica antalgica è inoltre particolarmente utile per coloro che, a seguito di una prolungata inattività, volessero riprendere a fare attività fisica riducendo al minimo il rischio di infortuni correlati alla prolungata sedentarietà. Per questo motivo la ginnastica antalgica, pur essendo praticata soprattutto dalle persone un po’ più anziane, può essere, ed è, praticata anche dalle persone più giovani.
Dal momento che, come abbiamo visto, la ginnastica antalgica si pone come obiettivo principale il recupero di una buona elasticità e mobilità a livello articolare e muscolare, risulta evidente come questa forma di attività fisica si articoli prevalentemente attraverso esercizi di stretching senza ovviamente trascurare tutto l’aspetto riguardante la corretta respirazione. Detto questo vediamo più nello specifico quali sono i benefici, l’efficacia e le eventuali controindicazioni della ginnastica antalgica.
La ginnastica antalgica presenta una gran serie di benefici per il nostro organismo; per prima cosa ci aiuta a recuperare le sindromi dolorose a carico dei muscoli e delle articolazioni dovute a una cattiva postura o a particolari malattie degenerative come nel caso delle osteoartrosi. La ginnastica antalgica è inoltre un’attività fisica estremamente completa, dal momento che coinvolge tutta la muscolatura del corpo, migliora l’elasticità e la percezione del proprio corpo (favorendo quindi così il recupero degli errori di postura) ed è una forma di attività fisica adatta a tutti dai più giovani ai più anziani.